.

Chianti Classico Gran Selezione DOCG 'Vicoregio 36' 2017 (750 ml.) - Mazzei

Il Chianti Classico Gran Selezione 'Vicoregio 36' di Mazzei nasce dall'omonimo vigneto dove sono stati piantati 36 biotipi di Sangiovese, frutto di 50 anni di ricerca e studio su questo vitigno. Il Vigneto si trova a Castelnuovo Berardenga, su un plateau molto ben illuminato durante tutta la giornata, ad un'altitudine di 350 s.l.m, ed è caratterizzato da grandi escursioni termiche giorno/notte e da un terreno composto da alberese e arenaria. Il risultato è un Chianti Classico Gran Selezione dove il Sangiovese si esprime nella versione più calda: con intensità, ricchezza di colore e bouquet pronunciato. 

       


5 Articoli
65,00 €
Tasse incluse
Quantità

IL VINO

Il Chianti Classico Gran Selezione 'Vicoregio 36' di Mazzei nasce dall'omonimo vigneto dove sono stati piantati 36 biotipi di Sangiovese, frutto di 50 anni di ricerca e studio su questo vitigno. Il Vigneto si trova a Castelnuovo Berardenga, su un plateau molto ben illuminato durante tutta la giornata, ad un'altitudine di 350 s.l.m, ed è caratterizzato da grandi escursioni termiche giorno/notte e da un terreno composto da alberese e arenaria. Il risultato è un Chianti Classico Gran Selezione dove il Sangiovese si esprime nella versione più calda: con intensità, ricchezza di colore e bouquet pronunciato. 

L'AZIENDA

Quella dei Marchesi Mazzei è una famiglia che può vantare un’ineguagliabile eredità immersa nella tradizione vitivinicola toscana. La loro è infatti una storia che inizia molti secoli fa, nel borgo medievale di Castello di Fonterutoli, e che prosegue da ben 24 generazioni. Un borgo, quello di Fonterutoli, che si affaccia sulla Val d’Elsa, e che appartenendo dal 1435 alla famiglia Mazzei, conserva ancora oggi il suo aspetto originario di tranquillo borgo di campagna: poche case, la chiesa di San Miniato e la villa costruita alla fine del 1500 al posto del castello fortificato. 
La tenuta si trova pochi chilometri a sud di Castellina, nel cuore del Chianti Classico, e comprende oltre seicento ettari di terreni, dei quali più di cento sono impiantati a vigneto e sono situati nelle zone più belle della denominazione: Fonterutoli, Siepi, Badiola, Belvedere e Caggio. Vigneti che hanno fato la storia del Chianti Classico, prevalentemente coltivati a sangiovese, varietà che qui ha trovato la sua terra di elezione, capace di esprimere grandi profumi ed eleganza nelle zone più alte, struttura e potenza in quelle più basse. Non è quindi un caso che Castello di Fonterutoli sia considerata come una delle aziende più significative di tutto il Chianti Classico, da sempre proiettata alla ricerca di nuove frontiere qualitative, in vigna come in cantina. Un lavoro e un percorso che hanno portato i vini del Castello a essere rinomati a livello mondiale, e a costituire un punto di riferimento per tutto il Chianti Classico. 
Ma non finisce qui: la propensione alla ricerca di sempre nuove sfide e la continua ricerca dell’eccellenza hanno spinto i Mazzei a espandere i propri orizzonti verso nuove frontiere nell’ambito della viticoltura e della vinificazione, oltre al Chianti Classico, anche nella Maremma toscana, con Tenuta Belguardo, e in Sicilia con Tenuta Zisola. Realtà che oggi producono vini di chiara impronta territoriale, veri e propri ambasciatori delle rispettive denominazioni.

MZZ-GRAN-SEL-VICOREGIO36-2017
5 Articoli

Scheda tecnica

Categoria del Prodotto
Vino Rosso
Nazione
Italia
Regione
IT - Toscana
Annata - Cuvée
2017
Denominazione
Chianti Classico DOCG
Vitigno / Materia prima
sangiovese
Gradazione Alcolica
13.5% vol.
Formato
750 ml.
Degustazione
Colore: rosso rubino Bouquet: pronunciato floreale, fruttato, delicatamente speziato Gusto: strutturato, ricco e di grande armonia. Fresco, persistente ed elegante.
Abbinamenti Gastronomici
Carni Arrosto, Carni in Umido, Formaggi Stagionati
Temperatura di Servizio
16° – 18° C.
Bicchiere Consigliato
Calice ampio a stelo lungo
Classe di Invecchiamento
Gran Selezione
Premi
Veronelli 3 Stelle, Vini Buoni d'Italia
Punteggi
Robert Parker 95/100, James Suckling 95/100, Wine Spectator 91/100

Riferimenti Specifici

0