.

Vini Bianchi - Ischia DOC Biancolella 'Kalimera' 2018 (750 ml.) - Cenatiempo - Cenatiempo - 1
Vini Bianchi - Ischia DOC Biancolella 'Kalimera' 2018 (750 ml.) - Cenatiempo - Cenatiempo - 2
Vini Bianchi - Ischia DOC Biancolella 'Kalimera' 2018 (750 ml.) - Cenatiempo - Cenatiempo - 3
Sconto -30%
Vini Bianchi - Ischia DOC Biancolella 'Kalimera' 2018 (750 ml.) - Cenatiempo - Cenatiempo - 1

Ischia DOC Biancolella 'Kalimera' 2018 (750 ml.) - Cenatiempo

Il 'Kalimera' di Cenatiempo viene realizzato partendo dalle uve in purezza di Biancolella, varietale autoctono dell’isola di Ischia. Vino bianco biodinamico, il cui nome significa 'buongiorno', che nasce in un terroir prettamente vulcanico situato a circa 450 metri sul livello del mare. La ricchezza del suolo vulcanico si afferma durante la degustazione con una mineralità piena al palato, di buona durata. Aromi di frutta si mescolano con gli agrumi e sul finale richiami alle erbe aromatiche. Corpo sottile, vena fresca e sapida e buona persistenza. Una bottiglia che trasforma in realtà la viticoltura eroica dell'isola.

     

7 Articoli
44,29 €
31,00 € -30%
Tasse incluse
Quantità

 

IL VINO

Il 'Kalimera' di Cenatiempo viene realizzato partendo dalle uve in purezza di Biancolella, varietale autoctono dell’isola di Ischia. Vino bianco biodinamico, il cui nome significa 'buongiorno', che nasce in un terroir prettamente vulcanico situato a circa 450 metri sul livello del mare. La ricchezza del suolo vulcanico si afferma durante la degustazione con una mineralità piena al palato, di buona durata. Aromi di frutta si mescolano con gli agrumi e sul finale richiami alle erbe aromatiche. Corpo sottile, vena fresca e sapida e buona persistenza. Una bottiglia che trasforma in realtà la viticoltura eroica dell'isola.

L'AZIENDA

Pensando alla cantina Cenatiempo si è subito trasportati con la mente nello splendido panorama paesaggistico dell’isola di Ischia. Qui nel 1945 Francesco Cenatiempo ha dato origine a questa realtà vitivinicola a conduzione rigorosamente famigliare, oggi nelle mani di Pasquale Cenatiempo, viticultore da sempre lontano dai riflettori mediatici. Suggestiva la cornice entro cui la cantina di vinificazione ha preso forma, letteralmente scavata nel cuore della collina di Kalimera, quasi a volersi radicare nella parte più profonda e viva di quel territorio splendido. Non è un caso se già in epoca romana l’isola di Ischia, chiamata a quel tempo Aenaria, fosse considerata “la terra del vino”, un’economia su cui ha puntato fino alla prima metà del Novecento, oggi ripresa da questa cantina.

I vini della cantina Cenatiempo sono figli di un territorio unico, dove il vulcano incontra il mare, il solido si sposa col liquido, il caldo della lava si amalgama alle onde fredde del Mediterraneo. Queste due anime antitetiche e pulsanti sono la firma d’autore delle etichette della cantina, apprezzati per la loro piacevole bevibilità e per la vena marcatamente salina. In cantina è bandito ogni tipo di interferenza produttiva come l’uso del legno, a favore di serbatoi di acciaio e di vecchie vasche di cemento al fine di esaltare in maniera sincera e schietta il naturale corredo aromatico delle uve. Una sintesi di tradizione produttiva e paesaggistica concentrata in un solo calice!

Sin dai tempi della fondazione della cantina, la famiglia Cenatiempo si è impegnata nel portare avanti un nobile progetto di valorizzazione delle varietà autoctone e tradizionali dell’isola di Ischia. La Biancolella e la Forastera, manifesto indiscusso dell’intera produzione, parlano una lingua salina, marina e fresca come il mare su cui i vigneti si affacciano, mentre il Piedirosso, localmente chiamato Per’ e Palummo, sfodera un’anima terrosa e vulcanica, tipica del territorio di origine. Una viticoltura eroica, praticata su terrazze scoscese che godono di una perfetta insolazione, che si basa sui principi di un’agricoltura biodinamica rispettosa dell’ambiente, da assaggiare sicuramente e per che no, anche da visitare di persona!

VINI ESTREMI

I Vini estremi sono vini eroici, figli della fatica, del sudore, della laboriosità dell'uomo; sono prodotti in zone spesso sconosciute, geograficamente impervie, talvolta impossibili e coltivati in minuscoli fazzoletti di terra strappati alla montagna, alle rocce, al mare.

Dal Trentino-Alto Adige alla Sardegna, dalla Valle d'Aosta all'isola di Pantelleria, dalla Valtellina alla Costiera Amalfitana, dalle Cinque Terre alle pendici dell'Etna, l'antica Enotria vanta una miriade di vitigni che sono sopravvissuti alle guerre, alle pestilenze, al flagello della fillossera.

Vitigni che, grazie alla tenacia e alla passione di alcuni piccoli grandi vignaiuoli, sono stati strappati all'oblio e che ancor oggi sono in grado di regalare ai cultori di Bacco dei vini straordinari.

Gianpaolo Girardi

CNT-KALIMERA-2018
7 Articoli

Scheda tecnica

Categoria del Prodotto
Vino Bianco
Nazione
Italia
Regione
Campania
Annata - Cuvée
2018
Denominazione
Ischia DOC
Vitigno / Materia prima
biancolella
Gradazione Alcolica
13% vol.
Filosofia
Biodinamico
Formato
750 ml.
Degustazione
Colore: giallo paglierino con bagliori dorati Bouquet: agrumi, frutta gialla e erbe aromatiche nel finale Gusto: fresco, intenso e di buona persistenza.
Abbinamenti Gastronomici
Crudi di Pesce, Frutti di Mare - Crostacei - Molluschi, Piatti di Pesce, Vegetali e Legumi, Carni Bianche
Temperatura di Servizio
8° - 10° C.
Bicchiere Consigliato
Calice fine a stelo lungo
Caratteristiche Speciali
Vino Estremo, Vini delle Isole Minori

Riferimenti Specifici

Rated 0/5 based on 0 customer reviews
0