.

Collio Malvasia DOC 2014 - Schiopetto
Collio Malvasia DOC 2014 - Schiopetto
Collio Malvasia DOC 2014 - Schiopetto
Collio Malvasia DOC 2014 - Schiopetto
Prezzo scontato
Collio Malvasia DOC 2014 - Schiopetto

Collio Malvasia DOC 2014 - Schiopetto

Il Collio Malvasia DOC Cru di Capriva di Schiopetto si ottiene dalla Malvasia Istriana che è uno dei vitigni storici del Friuli collinare. Vino ricco e complesso ma allo stesso tempo fragrante ed aromatico. Perfetto con antipasti e primi, sia di mare che di terra.

 

Malvasia-Schiopetto-2014_etichetta.jpg

14 Articoli

Acquistando questo prodotto puoi ricevere fino a 1 punto. Il totale del tuo carrello è 1 punto può essere convertito in un voucher di: 0,20 €.

25,71 €
18,00 € -30%
Tasse incluse
Quantità

Schiopetto-logo.jpg

IL VINO

La Malvasia Istriana è uno dei vitigni storici del Friuli collinare. Cresce bene in terreni poveri a base di marne con esposizioni calde e assolate dove, dopo una lunga maturazione delle uve, viene raccolta a mano e pressata a bassa temperatura. Segue la decantazione statica in assenza di anidride solforosa per poi essere vinificata e affinata in acciaio per 8 mesi, quello che si ottiene è un vino ricco e complesso ma allo stesso tempo fragrante ed aromatico.

L'AZIENDA

La Storia

A Capriva tutto ebbe inizio, in quelle vigne attorno al Palazzo Arcivescovile che la Curia cedette a Mario con contratto d’affitto nel 1970: vigne che Mario rimise a nuovo e che diventarono di sua proprietà solo nel 1989 dopo anni di rimandi e di attese. Mario, consapevole del fatto che il vero bene e la vera forza dell’azienda sono la terra e la vite, ha saputo trasformare quelle terre vecchie e incolte in vigne curate nel dettaglio, ha lavorato duramente per rendere unici i suoi vigneti e per sfruttare il potenziale di quei terreni di ponca (tipica marna friulana composta principalmente da calcare e argilla). Nel tempo Maria Angela, Carlo e Giorgio, figli di Mario, l’hanno affiancato nella gestione dell’azienda portando avanti questo progetto con sensibilità e rispetto, con amore per la tradizione e autentica passione. Da aprile 2014 la proprietà dell’Azienda è della famiglia Rotolo ed Emilio con i figli Francesco e Alessandro in una mera ottica di continuità portano avanti intatta la missione e la filosofia produttiva creata da Mario.

I Pionieri

Mario Schiopetto, il maestro del vino bianco insieme agli altri grandi dell’enologia italiana. Mario diventa presto parte di un gruppo di produttori che, fra la fine degli anni ‘60 e gli anni ‘70, lavorano per migliorare e modernizzare i metodi di produzione del vino in Italia. Viaggia per l’Europa e negli USA con Luigi Veronelli alla scoperta di altri vignaioli e vini; con Luigi Soini affronta avventure e importanti discussioni, collabora a lungo con il prof. Spath in Germania alla ricerca di nuovi metodi di produzione e vinificazione. Negli anni ’80 Mario fa parte del Gotha dei produttori italiani e diventa Maestro e Mentore di tanti giovani vignaioli, aprendo loro le porte della sua cantina.

Mission

Ogni azione, ogni attività di Mario Schiopetto è stata dettata dal desiderio di dare voce al territorio attraverso il vino per poter raccontare una storia in ogni bicchiere. Oggi l’azienda prosegue nella sua attività ricalcando le orme di Mario e avvalendosi dei suoi preziosi insegnamenti, sempre attuali, mantenendo forte il focus sull’innovazione al fine di garantire prodotti di alto livello e lavorando con costanza e dedizione nel pieno rispetto della Terra e dell’Ambiente.

Sostenibilità

Per creare i suoi vini Mario Schiopetto non ha inventato nulla, ha solo cercato di capire la terra, il clima, il carattere delle sue colline, osservando attentamente e cercando di entrare in armonia con la natura. Questo spirito è ancora oggi il fulcro dell’azienda, impegnata nel suo progetto di sostenibilità totale che va dall’impianto e mantenimento di boschi per la captazione dell’anidride carbonica controbilanciando con saldo positivo l’inevitabile emissione di CO2 , passando dall’attento uso di prodotti a basso impatto e finendo con delle caldaie ad alta tecnologia che danno l’autonomia del riscaldamento necessario attraverso il riutilizzo dei materiali legnosi e di scarto delle vigne

SCH-MALVASIA-2014
14 Articoli

Scheda tecnica

Nazione
Italia
Regione
Friuli Venezia Giulia
Annata - Cuvée
2014
Denominazione
Collio DOC
Vitigno / Materia prima
malvasia istriana
Gradazione Alcolica
12,5% vol.
Formato
750 ml.
Degustazione
Colore - Paglierino luminoso, giallo dorato
Profumo - Fresco e avvolgente con note iodate e sentori di fiori e frutta dolce
Gusto - Cremoso, ricco e caldo. Note dolci e fresche, con una piacevole acidità finale.
Abbinamenti gastronomici
Antipasti, Primi di Terra, Primi di Mare
Temperatura di servizio
13° C.
Bicchiere consigliato
Calice fine a stelo lungo
Premi
Gambero Rosso 3 Bicchieri
Punteggi
James Suckling 93/100
Categoria del Prodotto
Vino Bianco

Riferimenti Specifici

0