.

Barolo DOCG Bricco Rocche 2013 - Ceretto
Barolo DOCG Bricco Rocche 2013 - Ceretto
Barolo DOCG Bricco Rocche 2013 - Ceretto
Barolo DOCG Bricco Rocche 2013 - Ceretto
Barolo DOCG Bricco Rocche 2013 - Ceretto

Barolo DOCG 'Bricco Rocche' 2013 - Ceretto

Il Barolo DOCG 'Bricco Rocche' di Ceretto proviene dalla vigna più prestigiosa in Castiglione Falletto incastonata fra il Villero 
e le Rocche di Castiglione. Vigna e terreni donano il senso generale di equilibrio. E' il vino rosso Piemontese per eccellenza, dalla tradizione più profonda e borghese. Un vino di esemplare qualità e prestigio.

  

 

6 Articoli
160,00 €

Acquistando questo prodotto puoi ricevere fino a 16 punti. Il totale del tuo carrello è 16 punti può essere convertito in un voucher di: 3,20 €.

Tasse incluse

Sconti sul volume

Quantità Sconto Salva
6 10% Fino a 96,00 €

ceretto-logo150.png

IL VINO

Il Barolo DOCG 'Bricco Rocche' di Ceretto proviene dalla vigna più prestigiosa in Castiglione Falletto incastonata fra il Villero 
e le Rocche di Castiglione. Vigna e terreni donano il senso generale di equilibrio. E' il vino rosso Piemontese per eccellenza, dalla tradizione più profonda e borghese. Un vino di esemplare qualità e prestigio.

LA FILOSOFIA

I nostri vigneti sono coltivati secondo il modello dell’agricoltura biologica, che evita lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, secondo un modello di sviluppo sostenibile per la natura e per l’uomo, che possa durare nel tempo.

Il termine Agricoltura biologica indica un metodo di coltivazione che ammette l’impiego di sole sostanze naturali, presenti cioè in natura, escludendo l’utilizzo di sostanze di sintesi chimica(concimi, diserbanti, insetticidi). Tutti i nostri vigneti (160 ettari totali) sono stati convertiti, dal 2010 ad oggi, ad agricoltura biologica. Una scelta rivoluzionaria che cambia radicalmente i metodi di conduzione dei vigneti, volta ad un maggiore rispetto del suolo, delle uve e dell’uomo. Nel 2016 abbiamo ottenuto con la vendemmia 2015 la Certificazione e i primi vini bio sono stati imbottigliati.

L'AZIENDA

Selezionare le vigne nelle posizioni storicamente più valide era l'obiettivo dei due fratelli Bruno e Marcello Ceretto. Questa idea, derivata da un viaggio in Borgogna, avrebbe dato ragione alla famiglia e reso i vini Barolo e Barbaresco tra i più apprezzati al mondo. Una rivoluzione, all'epoca, per un territorio in cui il concetto di cru era totalmente sconosciuto, ma, soprattutto, una geniale intuizione. Una vera lotta, la loro, intrapresa col padre Riccardo, che le uve le comprava per poi vinificarle. "Incominciate un percorso difficile, la terra non ha mai creato ricchezze a nessuno" sosteneva Riccardo, ma i testardi Bruno e Marcello non avevano dubbi "siamo per la terra al cento per cento, la cantina certo un poco conta, comunque i grandi vini si fanno con l'uva". Iniziano quindi a sognare etichette che portino il nome del vigneto e su cui appaia anche la sua fotografia: "così chi beve quel vino ha sotto gli occhi la vigna da cui proviene. La vigna è storia, i nomi delle colline restano nel tempo, non mutano e questo rafforza la qualità e la credibilità dei vini qui prodotti. Una vigna la puoi cercare, visitare, toccare, sempre". Nel 1986 The Wine Spectator, forse la più influente rivista americana nel mondo del vino, mette in copertina i due fratelli langaroli chiamandoli Barolo Brothers. Bruno e Marcello hanno meno di 50 anni, ma non si fanno travolgere da quella che è una consacrazione ufficiale, a cui tutti aspirano ma pochi riescono ad ottenere. Oggi si sono mantenuti fedeli a se stessi, non hanno smesso di sognare e combattere per un obiettivo giusto. Intanto la Langa è cresciuta con loro e con chi, come loro, antepone al proprio nome quello della terra che li ha fatti nascere e li ha accompagnati per tutta la vita.

CRT-BRICCOROCCHE-2013

Scheda tecnica

Nazione
Italia
Regione
Piemonte
Annata - Cuvée
2013
Denominazione
Barolo DOCG
Vitigno / Materia prima
nebbiolo
Gradazione Alcolica
14,5% vol.
Filosofia
Biologico, Biodinamico
Formato
750 ml.
Degustazione
Colore: rosso rubino intenso con riflessi aranciati.Profumo: leggermente erbaceo, sentori di buccia. Note floreali di rosa e di viola.Gusto: potente, ricco, dolce, grasso e persistente. Si presta in particolar modo all’invecchiamento.
Abbinamenti gastronomici
Grandi Occasioni, Primi di Terra, Carni Arrosto, Carni Rosse, Cacciagione, Formaggi Stagionati, Carni in Umido
Temperatura di servizio
16° – 18° C.
Bicchiere consigliato
Calice a tulipano molto ampio
Caratteristiche Speciali
Esclusivo, di nicchia
Categoria del Prodotto
Vino Rosso

Riferimenti Specifici

0