Barbaresco DOCG Santo Stefano Albesani 2013 - Castello di Neive

CDN-S.STEFANO-2013

Nuovo prodotto

Il Barbaresco S.Stefano DOCG di Castello di Neive una garanzia di qualità, come testimoniato dai diversi premi ottenuti negli ultimi anni. L’uva nebbiolo emerge con tutta la sua struttura, equilibrio e persistenza unita a profumi eleganti. Viene affinato per 18 mesi in grandi botti di rovere. Il Piemonte da assaporare nel bicchiere.

Barbaresco_Santo Stefano Albesani_etiche

Maggiori dettagli

6 Articoli

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 4 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 4 points può essere convertito in un buono di 0,80 €.


42,00 € tasse incl.

-30%

Invece di 60,00 € tasse incl.

Scheda tecnica

NazioneItalia
RegionePiemonte
TipoVino Rosso
Vitignonebbiolo
DenominazioneBarbaresco DOCG
Gradazione Alcolica14,5% vol.
FormatiBottiglia da 750 ml.
DegustazioneColore: granato limpido e luminoso. Profumo: fine ed elegante, aromi varietali e speziate derivanti dal lungo affinamento. Gusto: di corpo, maestoso, con un finale persistente.
Abbinamenti gastronomiciCarni Rosse, Cacciagione, Primi di Terra
Temperatura di servizio18° - 20° C.
Bicchiere consigliatoCalice ampio a stelo lungo
Annata2013

Dettagli

castellodineive_150.jpg

IL VINO

Il Barbaresco S.Stefano DOCG di Castello di Neive una garanzia di qualità, come testimoniato dai diversi premi ottenuti negli ultimi anni. L’uva nebbiolo emerge con tutta la sua struttura, equilibrio e persistenza unita a profumi eleganti. Viene affinato per 18 mesi in grandi botti di rovere. Il Piemonte da assaporare nel bicchiere.

L'AZIENDA

I fratelli Stupino - Anna, Giulio, Italo e Piera - sono i proprietari del Castello e di circa 60 ettari di terreni in Neive. Sono tutti nati a Neive come pure i genitori, i nonni ed i bisnonni .La storia dell'azienda ha inizio quando loro padre, Giacomo, comincia a mettere a frutto la sua esperienza di geometra e grande conoscitore dell'area e ad acquisire, ove possibile, terreni e vigne nelle posizioni migliori.

Nelle piccole cantine della vecchia casa degli Stupino inizia così la prima produzione di vino per consumo domestico e per la vendita sfuso. Messoirano, Montebertotto, Basarin, Valtorta, I Cortini: il numero delle cascine e delle vigne acquistate da Giacomo cresce e così anche la produzione. Ed è così che nel 1964 viene acquisito il castello con le sue spaziose cantine e con le cascine Santo Stefano e Marcorino, oltre ad altri terreni già del conte Guido Riccardi Candiani. E' questa la svolta che spinge ad organizzare la cantina, a ristrutturare le vigne lasciate a gerbido dal vecchio proprietario, a produrre vino con sistemi moderni.

Alla morte di Giacomo, nel 1970, Giulio ed Italo curano la trasformazione da mezzadria a conduzione diretta dei beni, con il prezioso ausilio di Talin Brunettini, abile cantiniere e conoscitore delle tecniche agronomiche. Inizia quindi il primo imbottigliamento e l'introduzione dei vini del Castello di Neive nel mondo. Nel 1978 un altro grande traguardo: grazie alla collaborazione tra Italo e alcuni grandi personaggi della Facoltà di Agraria di Torino - i professori Italo Eynard ed Annibale Gandini - inizia l'impianto di selezione clonale sull'Arneis, uva abbandonata e pressochè sconosciuta, della cui riscoperta il Castello di Neive ha giocato un ruolo centrale.

Negli ultimi anni Italo si è impegnato in modo diretto e totale nella conduzione dell'azienda con il marchio "Castello di Neive Azienda Agricola": un impegno che pare seguire una premonizione che traspare dalla vecchia foto (anteguerra!) in cui il nonno Mentore gli mostra un grappolo d'uva. Lo sviluppo dei mercati, specialmente esteri, ha resa necessaria la trasformazione di tutte le uve dei nostri vigneti Le pur spaziose cantine del castello non sono più state in grado di permettere tale operazione e quindi abbiamo deciso, nella primavera del 2012, di trasferire le operazioni di produzione e quindi i macchinari e le vasche di acciaio inox in una nuova struttura tecnica - Cantina 2 - con un razionale lay-out, concentrando nelle cantine del castello tutte le botti in legno grandi e piccole per l’invechiamento dei vini. 

Previa una drastica ristrutturazione ed il rifacimento degli impianti di servizio.

LA FILOSOFIA PRODUTTIVA

La forma mentale acquisita al Politecnico di Torino, l’attività in altri settori, hanno portato Italo ad un approccio ‘scientifico’ alla campagna, alla vigna. Va bene la tradizione, ma non si deve dare tutto per scontato. Il dubbio, la ricerca, il confronto, la sintesi. In questo modo fin dagli anni Settanta (con il lavoro di ‘riscoperta’ dell’Arneis di cui si è accennato a proposito del vigneto Montebertotto) la vicinanza e la collaborazione con la Facoltà di Agraria di Torino hanno permesso ad Italo di entrare, anche studiando, nel mondo della vite e del vino dalla porta giusta e di trovarsi pronto ad affrontare le sfide e i cambiamenti di un mercato in continua evoluzione. 

Tradizione, ricerca e creatività: è questa la filosofia di un’azienda che senza trascurare secoli di esperienza nel campo della viticoltura, abbraccia le nuove tecnologie, si impegna nel campo della ricerca – in vigna come in cantina - ed è pronta a mettersi in gioco sperimentando con coraggio nuovi metodi. Sono proprio questo entusiasmo e questa carica creativa che hanno dato vita negli ultimi anni ad alcune esperienze nuove e stimolanti: a partire dal 1995, l’azienda ha prodotto un favoloso spumante metodo classico ottenuto esclusivamnte da uve pinot nero, il ‘Castello di Neive Classico’, oltre al ‘Castello di Neive Passito’ da uve arneis passite. A partire dal 1996 invece, l’azienda ha dato vita a due vini invecchiati in barriques - ‘I Cortini’, da uve pinot nero, e ‘Barbera d’Alba Superiore’, da uve barbera; dal 2006 viene prodotta anche l'Albarossa.

LE PERSONE

La collaborazione tra il Castello e la Facoltà di Agraria di Torino, continua tuttora con i professori Vincenzo Gerbi e Silvia Guidoni, alle cui ricerche, in cantina ed in vigna, diamo la massima disponibilità nella convinzione che ancora tanto c’è da studiare e da scoprire nella vite e nel vino.

In questa azione sono di grande ausilio le consulenze dell’enologo Gianfranco Cordero e dell’agronomo Dino Bevione. Il terminale di tutto è l’enologo Claudio Roggero ed il suo braccio destro Marco Ion. 

In altre parole, questa è l’idea guida e questa è la squadra del Castello di Neive che la mette in atto. 

La promozione dei vini prodotti, in Italia ed all'estero, viene seguita direttamente da Italo Stupino con il supporto della figlia Carolina.

IL CASTELLO 

Neive deve il suo nome ad una nobile ed importante famiglia romana, “Gens Naevia” o “Naevii” e divenne un Comune verso la fine del 12esimo secolo. Un primo castello, situato sulla cima della collina, esisteva già allora, ma fu distrutto nel 1274 nel corso di una rappresaglia. Dopo essere passato sotto varie dominazioni, nel 1530 il territorio divenne di dominio stabile dei Savoia e sotto Carlo Emanule I fu trasformato in un feudo assegnato al Marchese Vittorio Amedeo Dal Pozzo che assunse il titolo di primo Conte di Neive. 

All’inizio del 1700, il Conte di Castelborgo, l’avvocato Manfredo Bongioanni, decise la costruzione del nuovo castello su fondazioni risalenti al 1500/1600. L’imponente struttura occupa il confine sud-ovest di quello che era il ricetto medioevale di Neive ed un muro di difesa (1750) con garitte collega il castello ed i giardini alla Porta Sud del paese, detta di San Rocco (dalla Cappella votiva del XV-XVII secolo posta appena all’esterno del recinto del paese).

La costruzione richiese parecchi anni ed una data di ultimazione si può stabilire nel 1753, anno di inaugurazione della bella cappella interna, come risulta da una lapide all’interno della cappella stessa. Notevole l’altare barocco ricco di marmi, abbastanza inusuale in una residenza privata. Le cantine del castello – dove tuttora avviene la produzione e l’imbottigliamento del vino - furono costruite prevedendone l’utilizzo per questa funzione. Hanno infatti una notevole altezza così da permettere l’impiego di grandi botti. In queste cantine, al servizio del Conte di Castelborgo, operò l’enologo e mercante Louis Oudart che attrezzò la cantina e che, per primo nell’area, produsse con le uve nebbiolo un vino secco, stabile e quindi commerciabile, che con il nome ‘Neive’ ottenne una medaglia d’oro all’Esposizione di Londra del 1862. Con le stesse tecniche utilizzate dall’Oudart per il ‘Neive’ trent’anni più tardi fu prodotto nel castello di Barbaresco il primo Barbaresco…se così non fosse stato, Neive oggi godrebbe di ben maggiore celebrità! 

Il resto della struttura è destinata in parte a residenza dei fratelli Stupino ed in parte a rappresentanza: si vedano il salone con decorazione dell’inizio ‘800 in stile Impero Ritorno d’Egitto, il salotto della musica, la sala da pranzo, la galleria.

Recensioni

Scrivi una recensione

Barbaresco DOCG Santo Stefano Albesani 2013 - Castello di Neive

Barbaresco DOCG Santo Stefano Albesani 2013 - Castello di Neive

Il Barbaresco S.Stefano DOCG di Castello di Neive una garanzia di qualità, come testimoniato dai diversi premi ottenuti negli ultimi anni. L’uva nebbiolo emerge con tutta la sua struttura, equilibrio e persistenza unita a profumi eleganti. Viene affinato per 18 mesi in grandi botti di rovere. Il Piemonte da assaporare nel bicchiere.

Barbaresco_Santo Stefano Albesani_etiche