Antinori Cont'Ugo Tenuta Guado al Tasso Bolgheri DOC 2013

ANT-CONT'UGO-2013

Nuovo prodotto

Il Bolgheri DOC "Cont'Ugo"Tenuta Guado al Tasso, di Antinori nasce da un’attenta selezione di Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc vinificati in acciaio e successivamente lasciati maturare per circa un anno in barrique. E' un vino caratterizzato da un’ impostazione più verticale del solito, con un lieve finale acidulo, e un’ armonica e complessa aromaticità. 

 

Scheda tecnica

ContUgo-bolgheri_etichetta.jpg

Maggiori dettagli

6 Articoli

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 3 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 3 points può essere convertito in un buono di 0,60 €.


32,00 € tasse incl.

-8,00 €

Invece di 40,00 € tasse incl.

Scheda tecnica

NazioneItalia
RegioneToscana
TipoVino Rosso
Vitignocabernet sauvignon, merlot, cabernet franc
Varietà40% Cabernet Sauvignon, 40% Merlot, 20% Cabernet Franc
DenominazioneBolgheri Rosso DOC
Gradazione Alcolica14% vol.
FormatiBottiglia da 750 ml.
DegustazioneColore - rosso rubino Profumo - presenta note di ciliegia sotto spirito, tabacco, arancia candita e spezie Gusto - vibrante, morbido e persistente con un retrogusto speziato.
Abbinamenti gastronomiciA Tutto Pasto, Carni Arrosto, Carni in Umido, Carni Rosse, Primi di Terra
Temperatura di servizio16° – 18° C.
Bicchiere consigliatoCalice a tulipano molto ampio
PunteggiWine Spectator 93/100

Dettagli

Antinori-logo-150.jpg 

IL VINO

Il Bolgheri DOC "Cont'Ugo"Tenuta Guado al Tasso, di Antinori nasce da un’attenta selezione di Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc vinificati in acciaio e successivamente lasciati maturare per circa un anno in barrique. E' un vino caratterizzato da un’ impostazione più verticale del solito, con un lieve finale acidulo, e un’ armonica e complessa aromaticità. Al naso presenta note di ciliegia sotto spirito, tabacco, arancia candita e spezie. In bocca è vibrante, morbido e persistente con un retrogusto speziato. In questa annata abbiamo una maggiore presenza di Merlot e la non utilizzazione del Petit Verdot, per un uvaggio diverso dal solito: 40% Cabernet Sauvignon, 40% Merlot e 20% Cabernet Franc .

La 2014 è stata un’annata atipica per il territorio bolgherese, in particolar modo nel corso dell’estate. Le abbondanti piogge e le temperature sotto la media del mese di luglio ed in parte agosto, hanno richiesto importanti interventi di defogliatura e diradamento al fine di favorire una corretta maturazione delle uve. A partire dalla metà di agosto il clima è migliorato fino ad arrivare a tornare mite dopo metà settembre riequilibrando, almeno in parte , l’andamento dell’annata.

La raccolta è iniziata il 10 settembre con il Merlot e si è conclusa ad inizio ottobre con il Cabernet Sauvignon. Le uve sono state selezionate in due momenti: subito dopo la raccolta e dopo la diraspatura, per garantire che solo quelle ben mature arrivassero all’interno dei serbatoi di fermentazione. Come ogni vendemmia, sono stati suddivisi i singoli appezzamenti di vigneto in tante piccole parcelle di raccolta secondo l’andamento climatico dell’annata, distinguendole per caratteristiche delle uve e vinificandole separatamente. Fermentazione e macerazione sono avvenute in serbatoi di acciaio a temperatura controllata, per 15 / 20 giorni. Dopo le operazioni di svinatura, il vino è stato travasato direttamente in barriques, dove ha terminato la fermentazione malolattica. Al termine del primo anno di affinamento in barriques nuove di rovere francese, il vino è stato assemblato per tornare per ulteriori sei mesi in piccole botti prima dell’imbottigliamento.


guado_logo.png

La Tenuta Guado al Tasso si trova vicino a Bolgheri, sulla costa toscana, 96 km a sud-ovest di Firenze. I 300 gli ettari vitati della Tenuta si trovano al centro del cosiddetto "anfiteatro bolgherese": morbide colline circondano una splendida piana degradando fino al mare e creando un microclima dalle caratteristiche uniche. Guado al Tasso, vino “bandiera” della tenuta, esprime tutta la forza e la morbidezza di questo lembo di Maremma.
Ha contribuito ad elevare il bolgherese fra le zone più importanti dell’Europa enologica, esprimendo un carattere spiccatamente mediterraneo fatto di potenza, eleganza ed equilibrio.

Bolgheri, prestigiosa, piccola DOC in cui sitrova Guado al Tasso, è famosa per i rosé fino dagli anni '70: per questi ultimi e per i bianchi, nel 1984 ha ricevuto il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata, estesa poi ai rossi nel 1994. La zona è tuttavia adesso conosciuta e stimata.

La superficie della tenuta è di oltre 1.000 ettari di cui 300 piantati a vigne; c'è inoltre un bosco, la Macchia del Bruciato, dove vengono allevati allo stato semibrado maialini di cinta senese ed altri animali. I vigneti – a 45-60 metri di altezza sul livello del mare, su terreni di varia composizione – sono piantati a Vermentino, Cabernet Sauvignon, Merlot e Petit Verdot, con piccole quantità di altre varietà.
Grazie al clima mite per la vicina presenza

del mare e alle brezze costanti che mitigano le calure estive e i rigori dell’inverno e puliscono il cielo e tengono alto l’indice di insolazione, qui la vendemmia è fatta di solito a fine agosto, due settimane prima rispetto a zone più interne della Toscana. Un clima ideale anche per il piccolo vivaio dove crescono le “barbatelle”, le giovani piante delle diverse varietà per le altre tenute degli Antinori in Toscana e in Umbria.

L'AZIENDA

La Famiglia Antinori si dedica alla produzione vinicola da più di seicento anni: da quando, nel 1385, Giovanni di Piero Antinori entrò a far parte dell' Arte Fiorentina dei Vinattieri. In tutta la sua lunga storia, attraverso 26 generazioni, la famiglia ha sempre gestito direttamente questa attività con scelte innovative e talvolta coraggiose ma sempre mantenendo inalterato il rispetto per le tradizioni e per il territorio.

Oggi la società è diretta da Albiera Antinori, con il supporto delle due sorelle Allegra e Alessia, coinvolte in prima persona nelle attività aziendali. Il Marchese Piero Antinori è attualmente il Presidente Onorario della società. Tradizione, passione ed intuizione sono state le qualità trainanti che hanno condotto i Marchesi Antinori ad affermarsi come uno dei principali produttori italiani di vini.

Ogni annata, ogni terreno, ogni idea che si voglia mettere in atto è un nuovo inizio, una nuova ricerca di margini qualitativi sempre più elevati. Come ama dire il Marchese Piero: “ le antiche radici giocano un ruolo importante nella nostra filosofia, ma non hanno mai inibito il nostro spirito innovativo ”. Alle tenute di Toscana e Umbria, patrimonio storico della famiglia, si sono aggiunti con il tempo investimenti in altre aree vocate per la produzione di vini di qualità sia in Italia che all'estero, dove si potesse intraprendere un nuovo percorso di valorizzazione di nuovi “terroir” ad alto potenziale vitivinicolo.

La Marchesi Antinori esprime la propria passione per la viticoltura cercando margini di miglioramento sempre più sottili. Per questo si effettuano continui esperimenti nei vigneti e cantine con selezioni di cloni di uve autoctone ed internazionali, tipi di coltivazioni, altitudini dei vigneti, metodi di fermentazione e temperature, tecniche di vinificazione tradizionali e moderne, differenti tipologie di legno dimensioni ed età delle botti, e variando la lunghezza dell'affinamento in bottiglia.

"Abbiamo dimostrato, negli anni, che in Toscana ed Umbria c'era la possibilità di produrre vini di qualità, riconosciuti a livello internazionale, che potessero mostrare eleganza e finezza mantenendo sempre il carattere originario.La nostra biblioteca ha molti titoli, ma per noi non è abbastanza ricca. Abbiamo una missione che non è del tutto compiuta, il che ci spinge ad esprimere il vasto potenziale dei nostri vigneti e a conciliare il nuovo che rimane da scoprire con il patrimonio del gusto toscano che include tradizione, cultura, agricoltura, l'artistico ed il letterario che infatti rappresentano l'identità della Marchesi Antinori, di cui uno dei maggiori punti di forza sta nel fatto di essere toscana, o, se preferite, la nostra 'toscanità'." Piero Antinori
 

La famiglia Antinori è parte, fin dalla sua fondazione, di  PFV, "Premum Familiae Vini", un'associazione informale di aziende vinicole proprietà di una famiglia. PFV va oltre i confini geografici e mantiene un comune legame: quello della proprietà dei vigneti e della produzione di vino come attività familiare da  coltivare ed affinare, come un grande vino, nel tempo.

Recensioni

Scrivi una recensione

Antinori Cont'Ugo Tenuta Guado al Tasso Bolgheri DOC 2013

Antinori Cont'Ugo Tenuta Guado al Tasso Bolgheri DOC 2013

Il Bolgheri DOC "Cont'Ugo"Tenuta Guado al Tasso, di Antinori nasce da un’attenta selezione di Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc vinificati in acciaio e successivamente lasciati maturare per circa un anno in barrique. E' un vino caratterizzato da un’ impostazione più verticale del solito, con un lieve finale acidulo, e un’ armonica e complessa aromaticità. 

 

Scheda tecnica

ContUgo-bolgheri_etichetta.jpg