Barbaresco DOCG Vanotu 2013 - Pelissero

PLS-VANOTU-2013

Nuovo prodotto

Barbaresco Vanotu di Pelissero nasce nella Cascina Vanotu situata sull'incrocio dei tre comuni della zona del Barbaresco: Treiso, Barbaresco e Neive. Grazie al particolare microclima ed alla giacitura di cui gode questo terreno si riescono ad ottenere anche nelle piccole annate vini di grande carattere e di grande personalità. Adatto al lungo invecchiamento.

   

Scheda tecnica

barbaresco_vanotu_etichetta.png

Maggiori dettagli

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 4 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 4 points può essere convertito in un buono di 0,80 €.


Scheda tecnica

NazioneItalia
RegionePiemonte
TipoVino Rosso
Vitignonebbiolo
DenominazioneBarbaresco DOCG
Gradazione Alcolica14% vol.
FormatiBottiglia da 750 ml.
DegustazioneColore - intenso bel rosso rubino Profumo - note fruttate di lampone e ciliegia, vaniglia, salvia, menta, timo, camomilla Gusto - vellutato ampio ed avvolgente con tannini dolci e persistenti, grande struttura sinonimo di lungo invecchiamento.
Abbinamenti gastronomiciCarni Arrosto, Cacciagione, Carni in Umido, Formaggi Stagionati
Temperatura di servizio16° – 18° C.
Bicchiere consigliatoCalice a tulipano molto ampio
PremiBibenda 5 Grappoli, Vitae 4 Viti
PunteggiJames Suckling 92/100
Annata2013

Dettagli

pelissero_logo_150.jpg

IL VINO

Vanotu è il diminutivo in dialetto piemontese di Giovanni, nonno di Giorgio e vecchio proprietario di questo vigneto. E' una parte della nostra azienda, quindi, alla quale siamo molto legati. Grazie al particolare microclima ed alla giacitura di cui gode questo terreno si riescono ad ottenere anche nelle piccole annate vini di grande carattere e di grande personalità. Prodotto con tecniche moderne ed innovative (temperature controllate, follature meccaniche automatiche temporizzate e programmate) cercando di portare in bottiglia la massima esaltazione delle caratteristiche varietali del Nebbiolo. Affinato per 20/22 mesi in barrique (80% nuove) e nove mesi in bottiglia si cerca di ottenere concentrazione, frutto, complessità tannica morbida ed avvolgente. La volontà è quella di fare un vino innovativo cercando di mantenere ed esaltare al massimo quelle che sono le grandi qualità del Nebbiolo. La prima annata imbottigliata è stata il 1960.

Zona di produzione: Cascina Vanotu situata sull'incrocio dei tre comuni della zona del Barbaresco: Treiso, Barbaresco (dove abbiamo anche una piccola casa colonica) e Neive

Varietà: Nebbiolo 100% 

Esposizione: sud

Altitudine: da 300 a 350 Mt s.l.m.

Anno di impianto: 1964 

Forma di allevamento: gujot 

Densità piante per ettaro: 4000 

Primo anno di produzione: 1960 

Terreno: di medio impasto con una ricca componente calcarea adatta a fare vini molto aromatici e molto varietali.

CASCINA VANOTU

Vanotu è il più prestigioso tra i nostri vigneti, quello che nel 1960 ci ha regalato le prime bottiglie. Si tratta di un terreno situato tra i 300 e i 350 metri di altitudine, esposto completamente a sud e situato nella chiusura naturale di una delle più belle colline della zona del Barbaresco. Geograficamente si colloca sul confine dei tre comuni della zona di produzione del Barbaresco. 

La parte più alta si trova nel comune di Barbaresco, nella sottozona denominata Tre Stelle ed è la prima ad essere stata ripiantata da Luigi Pelissero nel 1964. Accoglie anche una vecchia casa colonica in fase di ristrutturazione per la creazione di una piccola struttura recettiva. Sotto questa porzione, a valle della strada provinciale, si estende la parte del vigneto appartenente al Comune di Treiso, nella sottozona denominata Marcarini. Percorrendo il vigneto verso est si entra infine nella porzione del Comune di Neive, la più piccola delle tre, nella sottozona denominata Basarin. Incrocio naturale di tre paesi, tre cuori pulsanti per l'intera economia di questo splendido territorio.

Il microclima è ventilato con scarsi problemi di muffe grazie alla allocazione nella parte alta della collina, questo garantisce un regolare decorso stagionale anche nelle annate non proprio favorevoli. Il terreno particolarmente ricco di calcare dà origine a vini morbidi, eleganti, suadenti e carichi di personalità, sempre molto espressivi delle singole annate attraverso le note di salvia, menta, rosa, camomilla, timo e una moltitudine di erbe aromatiche che solo alcuni terreni di Langa riescono ad esprimere.

L'AZIENDA

La nostra famiglia è da sempre dedita all'agricoltura con DNA langarolo e contadino. Siamo a Treiso, comune indipendente da Barbaresco dal 1957, nel cuore della zona di produzione di una delle prime DOCG italiane, il Barbaresco, figlio del re Nebbiolo, la varietà che più di ogni altra ha delineato e delineerà la storia delle nostre colline e della vitivinicoltura nazionale ed internazionale. Noi siamo figli di questa terra e di questo vitigno.

Lo spirito di continua ricerca, in vigneto e poi in cantina, la passione, l'impegno e la dinamicità innovativa sono le nostre costanti che si uniscono all'orgoglio di essere ormai giunti alla terza generazione di coltivatori della vite. La filosofia però non è cambiata: solo varietà autoctone tipiche delle nostre terre ed in particolare Nebbiolo, Barbera e Dolcetto che coprono l'85% della nostra produzione. Tutte le uve che utilizziamo provengono dai 38 ettari di terreni di proprietà e siamo in grado, avvalendoci dell'aiuto di sapienti collaboratori, di seguire direttamente tutto il ciclo produttivo aziendale, dalla potatura alla commercializzazione delle 250.000 bottiglie annuali.

LA MISSIONE

Continuare una strada spostandone la direzione, ripetere riti rinnovandone i gesti, reinvestire energie maturando esperienze, raccogliere tecniche seminando evoluzioni. Ci sono nuove generazioni, nuovi linguaggi produttivi e nuove lingue in Langa. Inglese, macedone, giapponese, norvegese, tedesco, magrebino: voci e volti di mondo che animano i sentieri, le vigne e le cantine al fianco di chi questa terra la vive da sempre, la interpreta con impegno e ne ama generosità e asprezze. 

Una duchessa ad Alba, un conte a Grinzane, reali, marchesi e decine di contadini, ambasciatori internazionali di vino e territorio. Popolo e nobiltà del vino pensato, che ha fra i suoi profumi l'arte dell'attesa, di cui i vignaioli sono maestri. Scelta del terreno, valutazione dell'esposizione, selezione delle varietà: anni guardando con rispetto la Natura negli occhi, progettando, curando, osservando e imparando che nessuna progettazione, cura, osservazione riesce ad afferrare l'essenza, la magia. Le mani dei produttori sono grandi, ma la vitalità del vino lo è di più.

Vendemmia, vinificazione, affinamento. Pressatrici soffici, vasche in inox, impianti per il controllo della temperatura, botticelle di rovere francese. E vetro, di bottiglia o di calice, a contenere un messaggio che, con la complicità delle varietà portoghesi di sughero dei tappi, arriva intatto in ogni Paese a dire le Langhe: un filo rosso sottile, intenso, che percorre migliaia di chilometri e unisce il lavoro di anni alla passione di tanti. C'è una terra che si muove verso il mercato, e vignaioli di mondo che dopo mesi in campagna volano con le radici. 

Siamo quella terra. Se vi fa piacere incontrarci venite alla cantina Pelissero, ma se preferite conoscerci meglio, affidatevi ad una delle nostre 250.000 bottiglie: il Barbaresco Vanotu, il Barbaresco Tulin, il Barbaresco Nubiola, i Dolcetto (Munfrina e Augenta), la Barbera Piani, la Riserva di Barbera Tulin, il Nebbiolo, il Long Now, la Freisa, la Favorita e il Moscato vi racconteranno le caratteristiche fisiche e chimiche dei 38 ettari che coltiviamo a due passi da Alba, nei comuni di Treiso, Neive, Barbaresco e Neviglie; e del carattere dei tre vitigni principali che da due generazioni vendemmiamo, il Nebbiolo, la Barbera e il Dolcetto. Vi parleranno di noi in piemontese schietto, con un sottofondo di Balcani, Norvegia, Nordafrica, Giappone...

Recensioni

Scrivi una recensione

Barbaresco DOCG Vanotu 2013 - Pelissero

Barbaresco DOCG Vanotu 2013 - Pelissero

Barbaresco Vanotu di Pelissero nasce nella Cascina Vanotu situata sull'incrocio dei tre comuni della zona del Barbaresco: Treiso, Barbaresco e Neive. Grazie al particolare microclima ed alla giacitura di cui gode questo terreno si riescono ad ottenere anche nelle piccole annate vini di grande carattere e di grande personalità. Adatto al lungo invecchiamento.

   

Scheda tecnica

barbaresco_vanotu_etichetta.png