Barolo DOCG Castiglione 2012 - Vietti

VTT-CASTIGLIONE-2012

Nuovo prodotto

Il Castiglione Barolo DOCG di Vietti è uno dei più grandi baroli italiani. Dopo l’imbottigliamento continua a migliorare in eleganza ed armonia per molti anni: è un ottimo vino da dimenticare in cantina per almeno tre o quattro anni. Questo barolo nasce da uve di nebbiolo 100%: clone Michet 75%, Lampia 20%, Rosé 5%.

Scheda tecnica

barolo_castiglione_etichetta.jpg

Maggiori dettagli

5 Articoli

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 4 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 4 points può essere convertito in un buono di 0,80 €.


43,00 € tasse incl.

-12,00 €

Invece di 55,00 € tasse incl.

Scheda tecnica

NazioneItalia
RegionePiemonte
TipoVino Rosso
Vitignonebbiolo
DenominazioneBarolo DOCG
Gradazione Alcolica14% vol.
FormatiBottiglia da 750 ml.
DegustazioneColore rosso rubino. Corpo pieno e complesso con aroma intenso di rose secche, liquirizia, spezie e tartufi. Elegante con tannini forti ma bilanciati.
Abbinamenti gastronomiciCarni in Umido, Cacciagione, Carni Arrosto, Formaggi Stagionati
Temperatura di servizio17° - 18° C.
Bicchiere consigliatoCalice a tulipano molto ampio
PunteggiWine Spectator 91/100

Dettagli

logo_vietti.jpg

IL VINO

Il Castiglione Barolo DOCG  di Vietti è uno dei più grandi baroli italiani. Dopo l’imbottigliamento continua a migliorare in eleganza ed armonia per molti anni: è un ottimo vino da dimenticare in cantina per almeno tre o quattro anni. Questo barolo DOCG nasce da uve di nebbiolo 100%: clone Michet 75%, Lampia 20%, Rosé 5%.

I VIGNETI

Da 35 ettari di vigneti sono prodotti, a fianco dei classici Dolcetto e Barbera “TreVigne” (dizione che sta ad indicare che il vino è ottenuto da uve provenienti da più di un singolo vigneto), l’Arneis ed il Moscato d’Asti Cascinetta, i “crus” Rocche, Brunate, Lazzarito, Ravera e Riserva Villero nel Barolo, Masseria nel Barbaresco, Scarrone e Vigna Vecchia nel Barbera d’Alba, e, dal 1996, La Crena nel Barbera d’Asti.

Dal 2000, col ritiro dall’attività dei genitori, Mario Cordero e Luca Currado acquisiscono l’intera proprietà aziendale continuando l’attività produttiva sempre nel più grande rispetto della tradizione ma con mentalità aperta ed evolutiva nella ricerca della massima qualità e piacere del vino.

Un famoso scrittore di vino ha recentemente osservato che Vietti “è sempre una cantina familiare altamente specializzata nella produzione di diversi tipi di vini DOC e DOCG”.

ETICHETTE D'AUTORE

A partire dal 1974 alcuni vini Vietti sono vestiti da opere originali create appositamente da un artista ed ispirate al vino di quell’annata particolare.

La tiratura corrisponde al numero delle bottiglie prodotte e le prime cento sono firmate dall’Artista. Ogni opera viene utilizzata una sola volta, esclusivamente per il vino di quel millesimo. È dal 1988, in occasione della presentazione del Barolo Villero 1982, che l’etichetta d’Autore viene dedicata al vino di questo grande vigneto.

L'AZIENDA

Da quattro generazioni la famiglia Vietti produce vini in Castiglione Falletto, piccolo paese medievale situato al centro di una delle zone più felici delle Langhe per la coltivazione della vite, la “zona del Barolo”.

Carlo Vietti fondò l’azienda alla fine del 1800 ed il figlio Mario, nel 1919, iniziò a produrre i primi vini Vietti, vendendo la maggior parte della produzione in Italia.

Il suo principale progetto è stato quello di trasformare l’azienda agricola multi-settoriale di famiglia in un’azienda vitivinicola. Nel 1957 Alfredo Currado sposò la figlia, Luciana Vietti, e dal 1960, alla morte del suocero, continuò l’attività dell’azienda familiare indirizzando la produzione sempre più verso l’alta qualità e posizionando l’azienda tra le migliori delle Langhe, iniziando sin da allora ad esportare i propri prodotti su importanti mercati stranieri come quello tedesco, svizzero e americano.

La storia degli ultimi 40 anni è stata segnata dalle scelte di Alfredo Currado, enologo dal 1952, e della moglie che si impegnano nel rafforzare l’immagine non solo dell’azienda familiare ma del territorio del Barolo. Alfredo fu il primo a selezionare e vinificare uve provenienti da singoli vigneti, concetto a quel tempo radicale ma oggi applicato da quasi tutte le aziende che producono Barolo e Barbaresco. Nascono così nel 1961 i primi “crus” Vietti, il Barolo Rocche ed il Barbaresco Masseria.

Soprannominato il “padre dell’Arneis”, nel 1967 è il primo a riscoprire questa varietà quasi scomparsa vinificandola in purezza. Oggi l’Arneis è il vino bianco più famoso dell’area Albese.

Recensioni

Scrivi una recensione

Barolo DOCG Castiglione 2012 - Vietti

Barolo DOCG Castiglione 2012 - Vietti

Il Castiglione Barolo DOCG di Vietti è uno dei più grandi baroli italiani. Dopo l’imbottigliamento continua a migliorare in eleganza ed armonia per molti anni: è un ottimo vino da dimenticare in cantina per almeno tre o quattro anni. Questo barolo nasce da uve di nebbiolo 100%: clone Michet 75%, Lampia 20%, Rosé 5%.

Scheda tecnica

barolo_castiglione_etichetta.jpg